MSI AFTERBURNER PRO NON PAGATO

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]
Nell’uso del PC per i giocatori, anche se non è l’unico componente coinvolto – molto meno -, la scheda grafica e le sue prestazioni sono fondamentali per la buona esecuzione di questo tipo di attività. La qualità grafica e, naturalmente, la stabilità del framerate per una certa qualità dipende da essa. E queste prestazioni possono essere migliorate con i driver più recenti di NVIDIA, regolando comunque l’overclock, la massima potenza consentita via software per la GPU, e controllando anche la ventilazione e il raffreddamento della scheda grafica. E possiamo farlo con la MSI Afterburner.
Possiamo dire che MSI Afterburner è un âmust haveâ per coloro che giocano al computer e richiedono le massime prestazioni.

MSI Afterburner è un’applicazione software sviluppata da MSI. Si tratta di un’applicazione di utilità che permette di monitorare e overcloccare la GPU. È possibile visualizzare informazioni dettagliate sull’hardware grafico o regolare le impostazioni della GPU quali velocità di clock della GPU, tensione della GPU, velocità di clock della memoria, velocità della ventola e altro ancora.

MSI Afterburner è un’applicazione gratuita. E sebbene sia un programma MSI, funziona su schede grafiche di quasi tutte le marche. È possibile scaricarlo dalla pagina Afterburner del sito web di MSI.

SCARICARE IL MSI AFTERBURNER

Per mostrare lo stato di funzionamento della scheda grafica in modo più accurato, Afterburner offre una funzione di monitoraggio completa: tutte le informazioni importanti, tra cui il core clock della GPU, il clock di memoria, la temperatura, la tensione e la velocità della ventola, ha un monitor in tempo reale sullo schermo nei giochi e informazioni in tempo reale sull’icona del vassoio di Windows. Tutte le impostazioni possono essere salvate come 5 profili, gli utenti possono passare rapidamente a diverse configurazioni con i tasti di accesso rapido.

La nuova versione di Afterburner non solo supporta le più recenti schede grafiche NVIDIA GeForce 500 e AMD Radeon HD 6000, ma incorpora anche la cattura video nel gioco Predator. I giocatori possono ora catturare tutti i loro momenti più intensi nei loro giochi preferiti e condividerli con il mondo su siti come YouTube.

TUTORIAL SUL MSI AFTERBURNER

Istruzioni per l’installazione di MSI Afterburner Remote Server:

  1. Per accedere alla macchina dal dispositivo Android, è necessario prima scaricare e installare il server remoto per i link per il download che si trovano qui.
  2. Una volta scaricato il file MSIAfterburnerRemoteServer.zip, estrarre il file sul PC ed eseguire MSIAfterburnerRemoteServer.exe. Una volta installato, dovrebbe apparire nella barra delle applicazioni. Clicca su di esso e copia l’indirizzo IP mostrato in basso (ne avrai bisogno per l’applicazione MSI Afterburner).

Configurazione dell’applicazione di MSI Afterburner

Dopo aver scaricato l’applicazione MSI Afterburner App per Android sul vostro dispositivo Android e aver installato MSI Afterburner Remote Server sul vostro PC:

  1. Aprire l’applicazione e fare clic sulle impostazioni.
  2. Nella configurazione selezionare ‘Host IP Address‘ e inserire l’indirizzo IP ottenuto dal server remoto MSI Afterburner Remote Server (dovrebbe essere qualcosa come 192.168.101.101.101.22:82).
  3. Una volta inserito l’indirizzo IP, il dispositivo Android si collegherà automaticamente al PC.

msi-afterburner

GUIDA PER MSI AFTERBURNER

** Alcune note importanti per i proprietari di RADEON VII:

  • Lo slider di tensione del kernel in MSI AB dovrebbe essere bloccato in RVII, che è normale e di progetto. Sulle schede della serie RVII, il controller AMD permette una sovratensione fino a 1.2V (da 1V di default) e il controllo della tensione è fornito in MSI AB a livello di editor delle curve tensione/frequenza. Quindi è sufficiente aprire l’editor (o premendo il pulsante VF editor sulla skin accanto allo slider dell’orologio del kernel o premendo <Ctrl>++<F> scorciatoia da tastiera per aprire l’editor) e si può regolare il voltaggio.
  • Anche il cursore del limite di temperatura dovrebbe essere bloccato dal progetto nella RVII, faceva parte del vecchio algoritmo di controllo ventole AMD. E ‘andato con la famiglia di driver Adrenalin 2019 quando AMD ha introdotto l’approccio di regolazione della curva della ventola. Pertanto, non è più regolabile sul controller AMD e dovrebbe essere bloccato ora.
  • L’editor tensione/frequenza permette di regolare le frequenze e le tensioni in modo indipendente per i 3 punti della curva V/F (o 3 Stati P), tuttavia, il controller AMD e l’architettura RVII pongono alcune restrizioni sull’approccio di modifica della curva. Pertanto, la curva sarà corretta secondo le seguenti limitazioni al momento della sua applicazione.
  • È possibile regolare la frequenza in modo indipendente solo per il primo e l’ultimo punto. La frequenza del punto medio non può essere regolata indipendentemente, le frequenze sono sempre interpolate linearmente dal primo punto all’ultimo punto. Pertanto, se si tenta di regolare la frequenza per il punto medio, questa verrà corretta secondo la regola di interpolazione di cui sopra subito dopo aver applicato le nuove impostazioni.
  • Non è possibile regolare frequenze e tensioni al di sotto del minimo (che è abbastanza severo e molto vicino al valore di default). Questo pone alcune limitazioni al downnclocking/downvolting degli stati P inferiori.
    2 temperature delle GPU visualizzate dal modulo di monitoraggio hardware MSI AB sono assegnate alle temperature dei bordi e delle giunzioni. 4 temperature VRM visualizzate sono mappate su sensori VRM centrale, SOC VRM e 2 sensori VRM di memoria. La curva della ventola AMD utilizza la temperatura di giunzione per regolare la velocità della ventola.
  • Al contrario, l’implementazione della curva della ventola del software MSI AB utilizza ancora il tradizionale sensore di temperatura del bordo. Probabilmente aggiungeremo la possibilità di selezionare il sensore termico di ingresso per la regolazione della curva della ventola del software nelle versioni future, ma onestamente non sono sicuro che ne valga la pena.
  • Attualmente, il sensore di utilizzo della GPU AMD sta subendo delle fluttuazioni piuttosto negative da 0%->100%->0%. Problemi simili hanno interessato alcune vecchie GPU in passato, ma ora è molto peggio in RVII. Penso che questo sia ciò che intendono per “la sovrapposizione delle metriche di prestazioni e i misuratori Radeon WattMan possono avere letture fluttuanti imprecise in AMD Radeon VII” su problemi noti ai conducenti, quindi c’è la speranza di vedere una soluzione AMD in futuro.
  • È possibile sbarazzarsi di queste fluttuazioni abilitando il monitoraggio unificato dell’utilizzo della GPU sulle proprietà di MSI AB, tuttavia questa opzione dipende dal contatore delle prestazioni di utilizzo della GPU DirectX e questo contatore richiede che le versioni WDDM del sistema operativo e del controller del display corrispondano. I driver AMD attuali sono rivolti al sistema operativo WDDM 2.5 (aggiornamento di ottobre), quindi questa opzione vi aiuterà solo se avete installato il sistema operativo versione 1809. In caso contrario, dopo averla attivata, non si vedrà sempre alcun uso della GPU.

MSI AFTERBURNER SCARICARE GRATIS

Cosa c’è di nuovo:

  • Versione beta di Windows aggiornata alla versione beta 16
  • Versione Android aggiornata a 2.2

MSI Afterburner 4.6.0 beta 16:

  • Include il pieno supporto per l’RVII, incluso l’overclocking (che non esisteva nella precedente versione di b15).
  • Ora è possibile utilizzare i tasti <Tab> e <Shift>+<Tab> per selezionare il punto successivo/precedente della curva. Questa funzione è utile per coloro che preferiscono usare i tasti <Up>/<Under per regolare con precisione lo spostamento di frequenza del punto selezionato invece di regolare il punto con il cursore del mouse. Vi ricordiamo che potete anche tenere premuto il tasto <Ctrl> mentre sintonizzate la frequenza con i tasti <Up>/<Down> per passare al valore di frequenza più vicino arrotondato a 10MHz.
  • Ora è possibile premere il tasto <Enter> per modificare l‘offset della frequenza del punto selezionato dalla tastiera. In alternativa è possibile premere <Shift>++<Invio> per specificare il valore assoluto della frequenza target, in modo che l’editor calcoli automaticamente la deviazione desiderata.
  • Interfaccia di controllo da tastiera leggermente modificata per l’implementazione AMD dell’editor di curve V/F. In precedenza, era possibile selezionare P-State e regolare la frequenza con i tasti <Up>/<Down>/<Ctrl> o <Ctrl>+<Ctrl>/<Ctrl>+<Down> o con i tasti <Sinistra>/<Right>/<Ctrl>+<Sinistra>/<Ctrl>+<Right>. Ora sia la frequenza che la tensione vengono impostate con i tasti <Up>/<Down> o <Ctrl>+<Up>/<Ctrl>+<Down> e la tensione di ingresso o la frequenza della tastiera viene selezionata con i tasti <PageUp> / <PageDown>. La tensione o la frequenza di ingresso della tastiera è ora evidenziata con la luminosità del punto selezionato sulla curva. Il focus dell’ingresso da tastiera influenza anche la nuova funzione <Enter> / <Shift> + <Enter> , consentendo di inserire la tensione o la frequenza di destinazione sia in forma offset che assoluta.
  • Simile all’implementazione NVIDIA, ora è possibile tenere premuto il tasto <Alt> anche quando si trascina il punto della curva V/F sui sistemi AMD. In questo modo si sposterà l’intera curva su/giù mantenendo lo spostamento di ogni punto.
  • Aggiunto il supporto per annullare/ripristinare l’editor delle curve di stress/frequenza:
    Ora l’editor delle curve di tensione/frequenza salva fino agli ultimi 1024 stati delle curve durante la modifica e permette di annullare/ridurre le modifiche con i tasti <Ctrl>++<Z> o <Ctrl><Y> / <Ctrl>+<Z>.
  • La cronologia degli annullamenti viene scartata quando la curva viene applicata, riletta forzatamente dall’hardware con il tasto <F5>, oppure commutata a una GPU diversa in un sistema multi-GPU.
    Il numero di passi annulla/ripristina registrati è indicato tra parentesi quadre nel titolo della finestra dell’editor.
  • La finestra di dialogo delle proprietà dell’applicazione viene ora visualizzata con lo stile più alto quando le proprietà vengono attivate da una finestra di monitoraggio separata e viene attivata la modalità “Sempre in alto”.
  • I componenti di NVIDIA Scanner sono stati aggiornati all’ultima versione, quindi il problema con NVML.dll deve essere risolto ora.

POSTCOMBUSTORE MSI PER ANDROID

La nuova utility Afterburner consente agli smartphone e ai tablet basati su Android di regolare o monitorare le impostazioni di Afterburner sul PC tramite una connessione Wi-Fi. Oltre a controllare la temperatura, la tensione e la velocità della ventola, l’utilità può essere utilizzata anche per l’overclocking e l’overvoltage. È possibile utilizzare l’MSI Afterburner per Android per monitorare e overclockare la macchina dal dispositivo Android. Per utilizzare l’applicazione MSI Afterburner App è necessario avere il server remoto MSI Afterburner installato sul proprio computer.

Ideale per i giocatori che amano controllare il funzionamento delle loro schede grafiche, ora possono farlo tramite il loro telefono cellulare o tablet, anche durante i giochi FPS, senza dover utilizzare uno schermo separato. I parametri chiave possono anche essere regolati al volo in specifici scenari di test per rendere ancora più facile battere i record mondiali di prestazioni. È anche possibile connettersi al computer di casa e vedere come funziona la scheda grafica quando si è lontani!

ENTRARE NELL’UNIVERSO DEL GUMS UP E METTERE LE MANI SU PROGRAMMI COME MSI AFTERBURNET PRO GRATIS, CON MIGLIAIA DI VANTAGGI AGGIUNTIVI!

Esta entrada también está disponible en: Spagnolo, Inglese, Francese